Ancora gialli

Sono giornate gialle di sole, caldo e di classici Doyle, Simenon e di S. S. Van Dine da risistemare in bella vista –  che se non fosse per Diego che mi porta un bicchiere d’acqua di tanto in tanto dal bar, io non so se ce la farei a trascinarmi tra gli scaffali con dignità.
Ecco che oggi mi sono arrivati un po’ di libri negli scatoloni cartonati e profumati direttamente da Firenze. Li ho aperti subito gli scatoloni ed ho pensato, toh, altri gialli. Che poi siano gialli di colore e non di contenuto è un’altra storia.
Li ho accantonati accanto ai vari colonnelli e ispettori, per ora, visto che di spazio ne è rimasto poco in libreria. Stanno proprio bene, tutti i gialli vicini. Il che unisce il danno alla beffa.

20140807_155606