CONTINENTE

Scendere

A metà settimana torno a Roma e, a fare i conti, durante agosto non ho fatto colazione da sola per venti volte (il che vuol dire che per venti mattine su trenta ho visto qualcuno nei primi cinque minuti dopo aver aperto gli occhi), viene anche mia sorella a Roma e scendiamo in treno, che in due non si fa prima ma perlomeno gli occhi a guardare lo stesso punto fuori sono quattro, i gomiti a sfiorarsi sul bracciolo due e di valigia da trascinarsi dietro una sola. E gliela faccio portare a lei, che io avrò il gatto da non perdere per il vagone.
Un’altra cosa che le farò fare sarà scrivermi delle lettere a fine giornata. Ho sempre voluto che mi scrivesse più spesso, a volte lo faceva. Qualche anno fa per esempio, quando stavo sull’Isola d’Elba mi è arrivata una sua cartolina timbrata Udine o Lignano non ricordo. Ha una bella scrittura tonda mia sorella, mi viene proprio voglia di farla scrivere in corsivo a penna blu.
Poi forse le chiederò anche di pelare qualche patata con me, quando torneremo a casa dopo aver visto il Colosseo o i Fori, ma se non le va lascio stare, faccio io.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...