Primo maggio

Le prime parole che ho sentito oggi sono state quelle della signorina nella cabina dell’Atac, all’entrata della metro, mentre mi faceva passare a malavoglia, con il mio abbonamento scaduto in mano. La multa gliela fanno sicuro, mi ha detto con le sopracciglia ad imbuto, cattivissima. Sono salita nel vagone guardandomi intorno e molti avevano l’aria di chi si sta guardando intorno, ma forse mi é sembrato. Certo che io, che ho fatto la pendolare per sei mesi senza biglietto per il Friuli e un’estate di sette anni fa sono salita a Catania e fino a Venezia sono rimasta chiusa in una cabina da sei posti, dopo che mi avevano rubato la borsa con i biglietti e le mozzarelle di bufala, che un giorno aprendo una confezione di biscotti ho vinto un ticket interrail, mi pare si chiami così non ne so molto, ma lavoravo in quel periodo e l’ho sfruttato solo per la tratta Venezia Mestre-Venezia Santa Lucia e viceversa, sono sempre io che due anni fa a Roma ho trovato un abbonamento per terra e anche lì ho viaggiato per quasi tre stagioni in lungo e largo per il Lazio (comprendeva tre fasce mi pare, fino ai Castelli Romani da una parte, fino a Ladispoli dall’altra). Tutte cose casuali, ma a spese di altri penso, di certo non mie. Certo che avrei anche potuto farmi Garbatella-Colosseo tranquilla, questa mattina.

Poi la multa non me l’hanno fatta, comunque. Sono arrivata a lavoro in anticipo, pure. Chissà i controllori che turni fanno oggi.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...