ISOLE

Spezie

C’è una persona che, quest’estate -un paio di volte a settimana- alle dieci di mattina, mi viene a prendere proprio sotto casa con un casco in più. Per me questa persona non è solo La Persona che mi viene a prendere due volte a settimana eccetera eccetera, ma un rito, qualcosa che sembra quasi un film a puntate. In questo film ce ne andiamo insieme da qualche parte, in esplorazione dell’isola, in posti dove siamo già stati oppure non ancora. Le puntate, meglio specificare, sono relativamente corte per i miei gusti. Durano dalle tre alle cinque ore, poi via ciascuno a lavoro.
Incontriamo Maestrali, sciroccate, moscerini dritti negli occhi sullo scooterone. Arriviamo su spiagge con sassi tondi come uova e grandi quanto palloni da calcio, scaliamo sentieri in salita e rotoliamo da quelli in discesa tra il profumo di rosmarino ed il sale che si incrosta tra i capelli, le sopracciglia, sui polpastrelli.
Oggi per esempio siamo saliti fino alla casetta rosa, un ruderello con una finestra sola e senza tetto che sta su un monte a strapiombo sul mare, a ovest dell’isola. Il mare era blu, il cielo era blu e dopo un po’ mi ha iniziato a girare la testa. Non avevamo mangiato nulla e io continuavo a guardare oltre la striscia dell’orizzonte, seduta su quello che restava dell’unico davanzale della casa. Poi l’odore di rosmarino si è fatto più intenso e ho pensato che mancassero solo le patate al forno ed un forno, ovviamente. Mi sono girata per scendere e ho visto un uomo in lontananza, braccia sui fianchi, maglietta nera.
Per un attimo mi sono spaventata, ma come noi pure lui era venuto ad esplorare la zona.
Alla fine abbiamo salutato lo sconosciuto, raccolto qualche fico raggrinzito da un albero e ripartiti finendo per fare il giro completo dell’isola con tanto di acquazzone, mentre superavamo il Monte Capanne.

Ci troviamo e ritroviamo bene io e questa persona, a volte passano giorni senza nemmeno un messaggio, ma puntualmente uno di noi si fa sentire e comincia una nuova puntata. Gli scogli bianchi sono i miei preferiti ad ogni modo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...